Gantrisch Panoramaweg

Qualche weekend fa ho fatto un’escursione il cui nome è tutto un programma: il Gantrisch Panoramaweg, ovvero il sentiero panoramico del Gantrisch. E che dire, il nome gli rende giustizia perché si tratta di un sentiero davvero panoramico. Per gran parte del percorso si cammina avendo al proprio fianco le prealpi Bernesi. Il sentiero è molto lungo (circa 21km), però non ci sono grosse salite, ma molti strappetti, che alla fine, tra su e giù faranno circa 800m di dislivello. Il fondo è molto agevole. Per la maggior parte si parla di sentieri in sterrato tra i boschi, con qualche piccolo tratto in strada di montagna.

Volendo il sentiero si può anche spezzare, perché ci sono un po’ di posti nel mezzo dove poter prendere l’autobus. A questo link trovate una mappa con il sentiero e le relative fermate dell’autobus

Come arrivare.

Allora, questo è un aspetto complicato. Il sentiero Gantrisch Panoramaweg, secondo i dati di Schweiz Mobil congiunge Gurnigel Bad nel Canton Berna, con Zollhaus nel cantone Friburgo. È teoricamente fattibile in entrambi i sensi, ma io consiglio di farlo nel senso che va da Gurnigel Bad a Zollhaus, per due motivi. Il primo, è che l’ultimo autobus da Gurnigel Bad per tornare a Berna parte alle 16.30 e facendomi due conti con la lunghezza del percorso non ce l’avrei fatta. Il secondo è che ho visto un paio di discese che ho fatto e se le avessi fatte in salita sarebbero state toste.

Detto questo, il modo più comodo per raggiungerlo da Berna è: treno da Berna a Belp, qui cambiare con un altro treno per Thurnen e da qui prendere il bus fino a Gurnigel Bad. Questo è il collegamento più veloce, ma ho notato che ci sono solo due corse al giorno (una intorno alle 8 del mattino e l’altra intorno a mezzogiorno). In alternativa c’è un altro collegamento ma ci mette molto più tempo.

A Zollhaus, invece bisogna prendere l’autobus per la stazione di Friburgo

Dati tecnici.

Punto di partenzaGurnigel Bad
Punto di arrivoZollhaus
Lunghezza21 km (circa)
Dislivello positivo750m
Dislivello negativo1000m
Durata7h (con le pause)
Dati tecnici del Gantrisch Panoramaweg.

Impressioni.

La prima impressione appena sceso dall’autobus è stata come quella di un’invasione. Alla stessa fermata sono scesi circa una trentina di presone e li ho avuto il timore che poi è stato confermato durante tutto il percorso. Ovvero che erano tutti insieme, cioè un gruppo di circa 30 persone che schiamazzava e urlava col quale ci siamo superati più volte durante il percorso. Sarò anche solitario oppure ho sempre avuto brutte esperienze, ma sono un po’ contrario ai trekking con tante persone, primo perché è difficile tenere unito un gruppo così numeroso su un percorso tanto lungo. Secondo perché faccio trekking soprattutto per immergermi nella natura e non la prendo proprio bene quando invece di sentire gli uccelli sento gli schiamazzi.

Comunque, dopo questa breve parentesi esistenziale delle implicazioni spirituali del trekking, torniamo alle impressioni sul cammino.

Appena scesi dall’autobus basta seguire l’indicazione “Gantrisch Panoramaweg” che in pratica ci accompagnerà durante tutto il percorso rendendo quasi impossibile sbagliare.

Gantrisch Panoramaweg
Indicazione Gantrisch Panoramaweg

La prima parte del percorso è in salita, prima su asfalto e poi all’interno del bosco. Questo è forse l’unico tratto un po’ più duro di tutto il percorso, sia per le pendenze che per il fondo fatto per lo più di pietre, radici e tutto quello che un sentiero in un bosco comporta. Ma comunque non è molto lunga e una volta finita vi aspetta la meraviglia. Da qui si comincia a dipanare il panorama che poi ci accompagnerà per i restanti 20 km. Siamo a Obere Gurnigel, punto panoramico con panchine e un grande prato da cui la vista spazia da Thun e il lago di Thun alla catena delle prealpi Bernesi con il Gantrisch, lo Stockhorn e l’Ochsen.

Gantrisch Panoramaweg
Gantrisch Panoramaweg: Panorama da Obere Gurnigel

Da qui si prosegue per il Gurnigel Pass. Questa parte del percorso mi è piaciuta poco, perché è troppo vicina al passo, che è un posto famoso tra i motociclisti che vanno li per esaltarsi a fare le curve e quindi si sente di continuo sto rombo di motori in sottofondo. Però la vista dal Gurnigel Pass è davvero stupenda.

Gantrisch Panoramaweg
Gantrisch Panoramaweg: panorama da Gurnigel Pass

Dopo il Gurnigel Pass si fa un tratto nel bosco pianeggiante che è uno dei pochi tratti in cui non si hanno le montagne di lato, ma è altrettanto panoramico. Si ammira il panorama su Berna, e la pianura fino alla Catena dello Jura. Se la giornata è tersa si riesca addirittura a vedere anche Biel. In questo punto mi sono fermato a mangiare guardando il panorama. Avevo fatto circa 8 km, ma ho considerato il fatto che avessi fatto una buona parte del percorso e mi piaceva stare su una panchina all’ombra. In realtà di panchine e punti barbecue se ne troveranno un infinità lungo tutto il percorso permettendo di prendersi il percorso con serenità.

Superata questa parte si fa una piccola parte a ridosso di una strada statale per poi attraversarla e continuare a scendere fino ad arrivare allo Schwarzenbuhlpass. Qui incontrerete tante gente, soprattutto famiglie con bambini che da qui partiranno per raggiunger la Gäggersteg. Si tratta di un percorso tematico creato in maniera artificiale attraverso una passerella in legno costruita sulla parte di bosco abbattuta dalla tempesta Lothar del 1999, permettendo ai visitatori di passare a una altezza di circa 8 metri dal suolo e di vedere la rigenerazione della foresta. Ci sono diversi cartelli esplicativi che spiegano come qui vivono diverse specie protette come il Birkhuhn (fagiano di monte), il capriolo e il gatto selvatico. Assieme a tante altre specie di uccelli.

Gantrisch Panoramaweg
Gantrisch Panoramaweg: Gäggersteg

Qui ho cominciato a soffrire perché questa seconda parte di percorso è quasi tutta sotto al sole e io avevo finito l’acqua. Infatti durante tutto il percorso non ho trovato quasi per nulla punti acqua se non verso la fine quando ormai cominciavo ad avere i miraggi. Ho visto una signora che riempiva la fontana in una fattoria e allora le ho chiesto se era bevibile. Quando mi ha detto di si la volevo baciare, ma mi sono contenuto.

Prima della fonte d’acqua si raggiunge il punto che secondo me è il più bello e panoramico di tutto il percorso: Pfyffe. Qui c’è una bella piattaforma, con un tavolo da picnic e una panchina all’ombra per rilassarsi, mangiare e ammirare il panorama. Qui mi sono concesso il lusso di fermarmi, incurante del fatto che avessi il gruppo di 30 dietro di me che incalzava.

Gantrisch Panoramaweg
Gantrisch Panoramaweg: discesa verso Zollhaus

Da qui il percorso continua prima in discesa in mezzo al bosco e poi su un tratto in leggera discesa stupendo, con alla destra le montagne e la vallata. Qui ho incontrato anche tanti ciclisti che facevano questo percorso in mountain bike. Da qui il percorso sostanzialmente scende verso Zollhaus tra prati, pascoli e fattorie. Una parte che mi è piaciuta meno e con tante mucche e tante zecche (purtroppo).

Considerazioni finali.

Il Gantrisch panormaweg è molto famoso, abbastanza rinomato e devo dire, dopo averlo fatto che la sua fama è confermata. Il percorso è panoramiccismo e ha il vantaggio di non essere molto complicato né dal punto di vista dell’altitudine né delle condizioni del terreno. Però, ci sono un paio di punti negativi. Il primo è il fatto che non si trovano molte fonti d’acqua, quindi consiglio di portarsene un bel po’ dietro. Il secondo, è che nella seconda parte si passa tra pascoli ed erba alta aumentando il rischio di zecche (ma ahimè questo è purtroppo un problema con cui bisogna convivere qui in Svizzera).

Buona passeggiata :)

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *