Il percorso Schynige Platte First viene spesso citato come uno dei percorsi più belli del Cantone Berna. Alcuni dicono addirittura di tutta la Svizzera. Non so se sia davvero così perché credo che di percorsi belli ce ne siano una infinità, ma questo può essere sicuramente messo nella lista e stare tra i primi posti. A mio parere i punti di forza di questo percorso sono due. Il primo è che è molto panoramico, e soprattutto nella seconda parte si cammina con negli occhi le iconiche cime dell’Eiger, del Monch e dello Jungfrau nelle Alpi Bernesi. Il secondo è che il percorso finisce quasi in prossimità del lago Bachalpsee, che sicuramente avrete visto su qualche cartolina. Quando si pensa alle montagne Svizzere, forse le prime immagini che vengono in mente sono il Cervino, le Alpi Bernesi e un lago in cui si rispecchiano montagne innevate. Ecco quel lago è il Bachalpsse e le montagne sono il Wetterhorn, lo Schreckhorn e il Finsteraarhorn.

Come arrivare.

Il punto di riferimento è la cittadina di Wilderswil, da dove parte il treno a cremagliera che porta alla località Schynige Platte. La stazione di Wilderswil è raggiungibile a sua volta con il treno da Interlaken, che rappresenta il punto di collegamento con tutte le altre stazioni. Inserisco anche qualche informazione sul treno perché è parte dell’attrazione di questo percorso. Si tratta di una linea entrata in funzione nel 1893, lunga poco più di sette km e che porta dalla stazione di Widerswil a Schynige Platte, a 1967 m, coprendo quindi un dislivello di 1400 m in circa 50 minuti. Le locomotive utilizzate oggi sono ancora le locomotive elettriche che, nel 1913, sostituirono le originali locomotive a vapore. Quindi preparatevi a fare un viaggio indietro nel tempo a bordo di uno dei treni più ripidi della Svizzera.

Il treno è operativo da maggio a ottobre, ma per sicurezza prima di mettervi in viaggio vi consiglio di controllare gli orari sul sito ufficiale.

Dati tecnici.

Punto di partenzaSchynige Platte
Punto di arrivoFirst
Lunghezza16.2 km
Dislivello positivo825 m
Dislivello negativo639
Durata6.00 h (senza pause)

Info e impressioni percorso.

Il percorso è tutto su sentiero abbastanza agevole, tranne la parte centrale che è su gradoni di roccia ma nel complesso abbastanza fattibile. Se si guarda l’altimetria si vede che il percorso sale in maniera quasi costante fino a poco più della metà del percorso per poi discendere verso First. Quel punto a metà percorso rappresenta il Faulhorn che è il punto più alto di tutto il tragitto. Quindi nel caso prendete il Faulhorn come riferimento. Quando lo raggiungete sapete che state cominciando a scendere.

Come detto appena arrivati alla stazione di Schynige Platte bisogna seguire l’indicazione per First (non fatevi scoraggiare dalle sei ore indicate :)). Shynige Platte è un posto incantevole, con una vista meravigliosa su tutte le montagne intorno e punto di partenza di tantissime escursioni.

Schynige Platte First
Vista da Schynige Platte

La prima parte del percorso si svolge su sentiero di montagna (circa 4km) senza pendenze troppo impegnative, anzi con leggeri saliscendi. In questa parte, avrete sulla sinistra la valle e il massiccio che separa dal del lago di Thun, ancora visibile in lontananza. Sulla destra il massiccio a cui bisogna girare intorno per raggiungere il rifugio Berghaus Männdlenen.

Schynige Platte First
Prima parte del percorso
Schynige Platte First
Vista del lago di Thun

Da qui in poi il sentiero comincia a salire su gradoni di roccia fino al rifugio e diventa più impegnativo. Noi da veri pivelli quando abbiamo intravisto da lontano il rifugio pensavamo di essere quasi al Faulhorn e allora ci siamo detti… dai, si comincia a scendere. Invece il Faulhorn era alle nostre spalle e quando lo abbiamo visto ci siamo resi conto che mancava ancora un po’. Allora ci siamo accampati per il pranzo, stesi sui gradoni a farci riscaldare dal sole e riprendere fiato.

Da li abbiamo proseguito verso il Faulhorn. Questa è la parte più spettacolare di tutto il percorso. In pratica una terrazza sull’Eiger, Monch e Jungfrau. Saremmo potuti stare ore a guardare questo paesaggio, ma comunque il tempo stringeva e abbiamo continuato. L’ascesa finale sul Faulhorn, quella si, è davvero impegnativa, su gradoni che bisogna anche un po’ scalare. Però non bisogna per forza scalarlo ma si può anche bypassare attraverso una strada laterale. In fondo su c’è solo un ristorante, anche abbastanza caro.

Schynige Platte First
Vista sulle Alpi Bernesi

Da qui il percorso inizia a scendere e all’improvviso ti trovi davanti la meraviglia del Bachalpsee con sullo sfondo i picchi innevati.

Qui abbiamo pensato di dare sollievo ai pedi dopo circa sei ore di camminata immergendoli nelle acque del lago. Idea pessima perché anche se eravamo ad agosto l’acqua era gelida.

Schynige Platte First
Bachalpsee

A questo punto manca circa un’ora per arrivare a First. First è un posto molto noto (di solito molti ci arrivano con la funivia da Grindelwald per fare solo l’escursione al Bachalpsee) e anche il percorso in se è abbastanza noto quindi preparatevi a fare un po’ di coda per prendere la funivia per tornare a valle. La funivia porta a Grindelwald da dove si può riprendere il treno per raggiungere le altre località della Svizzera. L’ultima discesa credo sia intorno alle 18.00 d’estate, ma per sicurezza consiglio sempre di aggiornarsi sull’orario dell’ultima corsa e calcolare bene i tempi prima di mettersi in cammino in modo da non avere brutte sorprese.

A Grindelwald abbiamo chiuso con un gran rösti e una buona birra gelata… meritata direi.

Qui sotto trovate le informazioni relative al tour fatto. Non è la traccia completa perché purtroppo il mio orologio è morto quando eravamo a circa da 3 km da First. Da questo punto calcolate che mancano ancora circa tre km.

Considerazioni finali.

Come detto il percorso è molto bello. Anche molto lungo però, ma nel complesso non ci sono grosse pendenze. Le sei ore di cammino sono tutte ripagate dalla splendida vista e i paesaggi mozzafiato.

Ho letto che molti si fermano al rifugio Berghaus Männdlenen per vedere il tramonto e ripartire il giorno dopo. Puo essere un’ottima soluzione alternativa per chi pensa che sei ore di cammino siano troppo lunghe.

Un’ultima info. First è anche famosa per il Tissot Cliff Walk, un percorso sospeso che gira intono alla cima per finire su una terrazza sospesa nel vuoto. A me non piace molto perché c’è sempre tanta gente in fila per le foto, ma se avete pazienza e non soffrite di vertigini…allora, buona passeggiata.

Potrebbe anche interessarti...

2 commenti

    1. Quando i bimbi si fanno grandi portali qui che ci andiamo insieme. Ho visto bimbi svizzeri sorpassarmi su questa salita 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *